APPELLO PER L’UNINOMINALE

Appello per l’Uninominale | Sostieni l’iniziativa per dare agli elettori il potere di scegliere gli eletti

Publicités

Belgio: dossier mostro Marcinelle su Wikileaks da 2009, stampa lo scopre ora

Esteri | 25/08/2010 | ore 17.56 » libero.it

Belgio: dossier mostro Marcinelle su Wikileaks da 2009, stampa lo scopre ora

Bruxelles, 24 ago. (Adnkronos/Aki) – E’ dal 17 aprile del 2009 che 1.235 pagine dell’inchiesta tuttora coperta da segreto istruttorio sul caso Dutroux, il pedofilo e pluriomicida belga ribattezzato il « mostro di Marcinelle », sono disponibili su Wikileaks, il sito specializzato nella pubblicazione di documenti segreti. Ma la stampa cosi’ come l’opinione pubblica belga se n’e’ accorta solo ora, rimanendo sconvolta dalla quantita’ di materiale, tra cui verbali di interrogatori alle vittime, ai tanti indagati e al ‘mostro’ stesso, ma anche numeri di telefono, conti bancari, dati personali di molte delle persone coinvolte direttamente o indirettamente nell’affare. Molte le critiche sollevate dall’operazione anche da parte delle famiglie delle vittime. »Non e’ una procedura normale mettere sulla pubblica piazza questi elementi del fascicolo d’inchiesta », si e’ lamentato Jean-Denis Lejeune, il padre di Julie, una delle ragazzine uccise e imprigionata per giorni nella cantina di Dutroux la cui sorte sconvolse il Belgio. Oltre a rendere pubblici dettagli agghiaccianti e dolorosi, la « pubblicazione infelice » di alcune delle parti dell’inchiesta su Wikileaks espone anche alla pubblica attenzione dati e nomi di persone che « non hanno nulla da rimproverarsi », ha criticato il procuratore generale di Liegi, Ce’dric Visart de Bocarme’. »Sono informazioni, vere, false, molto disparate tra loro, che mettono in causa una serie di persone che talvolta non hanno nulla da rimproverarsi, che sono state semplicemente citate in un’inchiesta e che si vedono cosi’ esposte, forse anche al pubblico ludibrio su internet, quando in realta’ si tratta di elementi che devono restare coperti da segreto in un fascicolo giudiziario », ha sottolineato il procuratore.(segue)